Se vedi questo testo, significa che navighi questa pagina con un Browser non aggiornato o non in linea con gli standard del W3C (collegamento esterno), oppure hai disattivato i fogli stile CSS che servono a visualizzazre la forma grafica di questa pagina. Puoi continuare a navigare questo sito senza problemi, ma non puoi vedere la grafica che aiuta nella navigazione.



Collegamenti veloci


Collegamenti principali


Segnalazioni

Vedi anche


Decreto: intervista al Messaggero di Pier Luigi Bersani

Dicembre 2008

Confronto possibile ma serve una svolta su stipendi e Pensioni

da Il Messaggero del 1 dicembre 2008


Commenti

carmelo ha scritto il 02 Dicembre 2008 alle ore 17:48:19

ben detto.specialmente per quanto riguarda il 55 % e meno male che dovevano aiutare le piccole imprese.

sebastiano ha scritto il 03 Dicembre 2008 alle ore 17:58:22

egregio Bersani, possibile che non sia venuta a nessuno, neppure durante il governo Prodi, l'idea di detassare l'aggiornamento delle pensioni di inizio anno??? pensi che 1,5 % diventa dopo le tasse 1,005% praticamente se ne va un terzo preciso...di questo passo noi pensionati fra qualche anno vivremo d'aria...l'alternativa sarebbe per esempio di farci dare 1,30 punti detassati netti, cosi' risparmia l'INPS 0.20 e noi abbiamo uno 0.30 in piu'. grazie e cordiali saluti. sebastiano

almarida ha scritto il 03 Dicembre 2008 alle ore 22:56:02

Ma voi lo sapete che le cd. rendite AVS e cioè le pensioni date dal sistema previdenziale svizzero a lavoratori che sono andati a lavorare in Svizzera ed ora sono residenti in Italia(molti dei quali frontalieri) subiscono una ritenuta alla fonte a titolo d'imposta del 5% e pertanto non debbono essere dichiarate ? (art. 76 l.411/1991)Ma non sarebbe opportuno alzare l'aliquota perlomeno al 10% ? E' una disparità pazzesca con gli altri lavoratori che pure sono emigrati e che invece debbono pagare le imposte, dovendo dichiarare le pensioni di fonte estera in Italia !


Aggiungi un commento

http://

Copia il codice riportato nell'immagine.