Se vedi questo testo, significa che navighi questa pagina con un Browser non aggiornato o non in linea con gli standard del W3C (collegamento esterno), oppure hai disattivato i fogli stile CSS che servono a visualizzazre la forma grafica di questa pagina. Puoi continuare a navigare questo sito senza problemi, ma non puoi vedere la grafica che aiuta nella navigazione.



Collegamenti veloci


Collegamenti principali


Segnalazioni

Vedi anche


"Riforma del titolo V: sussidiarietà"

Febbraio 2014

Vincenzo Visco

"Riforma del titolo V: sussidiarietà"

L'articolo di Vincenzo Visco sull'Unità del 6 febbraio 2014 che affronta i punti critici della riforma del 2001 e le correzioni che sarebbero necessarie attribuendo al nuovo Senato il ruolo di regolatore dei conflitti fra il potere centrale e i poteri locali.
 

Commenti

Stefano ha scritto il 13 Febbraio 2014 alle ore 12:35:02

La trasformazione del Senato in camera dell'autonomie è soltanto un altro passo per ridurre la democrazia in Italia. Prevedere che sia più efficiente avere una camera non più eletta dal popolo, ma da quelle regioni che tanto bene stanno facendo in termini di spesa pubblica è pazzesco. Si danno ai Presidenti delle regioni (ed indirettamente ai partiti che li fanno eleggere) il potere di decidere la spesa locale solo per risparmiare sul compenso come parlamentare.. !! il federalismo fiscale è stato un chiaro fallimento. Non ha responsabilizzato gli enti locali dinanzi ai cittadini nella gestione delle risorse pubbliche. I problemi strutturali delle regioni del sud, le differenti capacità di spesa tra regioni autonome ed ordinarie, la scarsa trasparenza dei bilanci regionali e comunali hanno reso pressoché nullo il controllo dei cittadini sulla spesa locale. Gli enti locali non sono stati incentivati ad una gestione più efficiente (il caso della mini IMU o lo stato comatoso della sanità regionale ne sono un esempio). Non vedo quale utilità per il Paese ad affidare a tali soggetti (cioè indirettamente ai partiti) la scelta del Senato. Il problema è che i cittadini, come insegnano il referendum dell'acqua e le ultime elezioni, non vanno sempre nella direzione attesa..bisogna bypassarli.


Aggiungi un commento

http://

Copia il codice riportato nell'immagine.